Nessuna radioattività anomala nella Drôme

Secondo le ultime misurazioni, l'incendio dell'impianto di Framatome nella Drôme non ha causato alcuna radioattività anomala.
radioactivité_energynews

Nuove misurazioni effettuate giovedì all’esterno dell’impianto Framatome di Romans-sur-Isère (Drôme) “non hanno mostrato tracce di radioattività anomala”, il giorno dopo l’incendio che ha colpito questo sito industriale dove viene stoccato l’uranio, ha dichiarato all’AFP l’Istituto per la protezione dalle radiazioni e la sicurezza nucleare (IRSN), responsabile dell’esecuzione di questi controlli.

“Le misurazioni sul campo della contaminazione e del rateo di dose gamma sono state effettuate e non hanno mostrato tracce di radioattività anomala”, ha dichiarato l’IRSN, che ha inviato un’équipe dal suo ufficio nella periferia di Avignone per effettuare misurazioni nell’ambiente “nelle immediate vicinanze del sito”.

Allo stesso tempo, l’IRSN ha prelevato campioni di erba, suolo e strisci (superfici su cui viene sfregato il pulviscolo atmosferico) nell’ambiente per effettuare misurazioni più precise nei suoi laboratori nella regione di Parigi, i cui risultati dovrebbero essere noti nei prossimi giorni. Inoltre, saranno effettuate misurazioni sul filtro dell’aerosol di una stazione di monitoraggio dell’aria situata vicino all’impianto di Framatome.

L’IRSN ha descritto questi controlli aggiuntivi come “misure di rassicurazione”. Un incendio appiccato da una stampante ha interessato mercoledì un’officina contenente uranio, ma “nessuna sostanza radioattiva” è stata colpita, secondo l’autorità francese per la sicurezza nucleare (ASN).

L’incidente è durato circa un’ora prima di essere spento, nell’impianto che impiega 950 persone nella produzione di combustibile per reattori sia per le centrali nucleari che per i centri di ricerca.

Articles qui pourraient vous intéresser