L’Egitto scommette sull’idrogeno rinnovabile

In Egitto, Globeleq annuncia la firma di un accordo quadro sull'idrogeno rinnovabile con il governo.
Égypte Globeleq

In Egitto, Globeleq annuncia la firma di un accordo quadro sull’idrogeno rinnovabile con il governo.

Una partnership completa

In Egitto, Globeleq annuncia un accordo quadro con la Suez Canal Economic Zone General Authority (SCZONE). Inoltre, l’accordo include anche il Fondo sovrano egiziano per gli investimenti e lo sviluppo (TSFE). L’accordo comprende anche la New and Renewable Energy Authority (NREA) e la Egyptian Electricity Transmission Company (EETC).

Globeleq svilupperà, finanzierà, costruirà, possiederà e gestirà un progetto di idrogeno rinnovabile. Il progetto sarà sviluppato in tre fasi nei prossimi 12 anni. Inoltre, il progetto comprende 3,6GW di elettrolizzatori alimentati da 9GW di energia solare fotovoltaica ed eolica.

La prima fase consisterà in un progetto pilota che produrrà 100.000 tonnellate all’anno di ammoniaca verde dall’idrogeno. La produzione egiziana è destinata principalmente all’esportazione in Europa e in Asia. Inoltre, si prevede che la prima fase diventi operativa entro il 2026-2027.

Una posizione vantaggiosa

Inoltre, il progetto potrebbe sviluppare altri potenziali usi finali dell’idrogeno rinnovabile. Il sito egiziano potrebbe quindi produrre combustibili verdi. Waleid Gamal Eldien, presidente della SCZONE, afferma:

“La firma dell’accordo quadro con Globeleq è la continuazione del nostro impegno a realizzare la visione dell’Egitto nella trasformazione verso un’economia verde. Il governo egiziano ha un ambizioso piano di transizione energetica e si stanno compiendo passi attivi per rendere la SCZONE un importante hub per l’idrogeno rinnovabile. Questa partnership riflette l’interesse del settore privato a investire in tali progetti, scegliendo la SCZONE come destinazione per gli investimenti nell’idrogeno rinnovabile e nei carburanti verdi, per servire i mercati africani e globali.”

La posizione geografica unica dell’Egitto, al crocevia tra Africa, Europa e Asia, è un vantaggio. Con circa il 13% del commercio mondiale che passa attraverso il Canale di Suez, l’Egitto si trova in una posizione ideale. Il Paese mira così a diventare un polo strategico per le energie rinnovabili a livello mondiale.

Globeleq è attualmente proprietaria dell’impianto fotovoltaico ARC for Renewable Energy SAE. Si trova nel parco solare di Benban, vicino ad Assuan. Inoltre, in Egitto, l’azienda intende sviluppare nuovi progetti solari, eolici e di desalinizzazione dell’acqua di mare.

Dans cet article :

Articles qui pourraient vous intéresser

Avete già un account? accedi qui.

Continua a leggere

Accesso illimitato

1€ a settimana senza impegno
Fatturato al mese
  • Godetevi l'accesso illimitato alle ultime notizie professionali del settore. Annullamento online in qualsiasi momento.

Articoli limitati per mese

Gratuito
  • Accedere ad alcuni dei nostri articoli e personalizzare le newsletter in base ai propri interessi.

Non è richiesto alcun impegno, si può annullare in qualsiasi momento.
Il vostro metodo di pagamento verrà automaticamente addebitato in anticipo ogni 4 settimane. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. È possibile annullare in qualsiasi momento. Possono essere applicate altre restrizioni e tasse. Le offerte e i prezzi sono soggetti a modifiche senza preavviso.