Il Mar Nero, un Eldorado del gas

In Romania, il Mar Nero offre un notevole potenziale di gas. Tuttavia, il suo funzionamento è ostacolato dalla legislazione rumena. I produttori di gas sono in attesa di chiarimenti.
mer noire gaz

Il potenziale di gas nel Mar Nero è stato dimostrato. La Romania potrebbe davvero beneficiare di questo Eldorado. Tuttavia, i principali produttori di gas del Paese evidenziano alcuni ostacoli. A loro avviso, il governo rumeno deve migliorare la regolamentazione. Lo sviluppo del gas potrebbe quindi subire un’accelerazione.

Il Mar Nero ha un notevole potenziale di gas

Il potenziale di gas nel Mar Nero è riconosciuto. Secondo la Romania, il progetto comprenderebbe 200 miliardi di metri cubi di gas.

Mark Beacom, amministratore delegato di Black Sea Oil & Gas (BSOG), ha dichiarato:

“Il potenziale di scoperta di gas nel Mar Nero rumeno è enorme, è già stato dimostrato”.

In effetti, molti produttori di gas, tra cui OMV Petrom, si stanno preparando a sfruttare il gas del Mar Nero da 15 anni. Queste aziende hanno poi pagato miliardi di dollari.

Quest’anno, BSOG ha anche avviato il primo sviluppo offshore nel Mar Nero, in Romania, da quasi 30 anni. L’azienda punta a estrarre 1 miliardo di metri cubi di gas all’anno. Questo rappresenta circa il 10% del consumo della Romania.

Sviluppo ostacolato dalla legislazione

Nonostante questo enorme potenziale, lo sfruttamento del gas nel Mar Nero rumeno è ostacolato dalla legislazione del Paese. Questo ha portato a una battuta d’arresto dell’attività dei produttori di gas della regione.

Mark Beacom afferma:

“Ma se lo scopo del caso è solo quello di trovare delle scoperte e lasciarle lì per 30 anni, non ha senso”.

Christina Verchere, amministratore delegato di Petrom, aggiunge:

“Il tempo di sviluppo deve diventare molto più breve. Bisogna avere il giusto quadro normativo e fiscale e questo è ciò che abbiamo trovato difficile, non era sempre presente”.

Ad esempio, la legislazione rumena ritarda lo sfruttamento del gas nel Mar Nero. OMV Petrom ha scoperto tra 1,5 e 3 trilioni di piedi cubi di gas. Tuttavia, non ha ancora preso una decisione definitiva sull’investimento nel progetto Neptun Deep, che svilupperà insieme a Romgaz.

La società è in attesa di chiarimenti da parte del governo rumeno, che ha recentemente modificato la legge sul gas offshore. La decisione di OMV Petrom è prevista per la metà del 2023.

Da parte del governo, il ministro dell’Energia dice di aspettarsi una decisione in tempi brevi.

Un’accelerazione dei progetti sul Mar Nero?

Tutte le parti interessate sembrano voler accelerare lo sviluppo del gas offshore nel Mar Nero. Secondo Christina Verchere, “la velocità è il nome del gioco”.

Da parte di Romgaz, Razvan Popescu, direttore generale, intende fare tutto il possibile per vedere realizzato il progetto Neptun Deep. Egli afferma:

“Siamo estremamente determinati a portare a termine il progetto Neptun Deep. È qui che vediamo il maggior potenziale, vediamo il potenziale per raddoppiare le nostre riserve accertate. Penso che l’intero Stato dovrebbe concentrarsi su questo, data l’importanza del progetto strategico”.

Ad esempio, la società rumena sta valutando la possibilità di emettere eurobond o prestiti garantiti. Questo le permetterebbe di finanziare rapidamente la sua quota del progetto.

Articles qui pourraient vous intéresser