I paesi nordici: precursori della transizione energetica

I Paesi nordici sono da tempo considerati pionieri nel campo delle energie rinnovabili.
nordiques transition verte

I Paesi nordici sono da tempo considerati pionieri nel campo delle energie rinnovabili. Stanno per aumentare la loro capacità in questo settore, facendo da apripista per il resto d’Europa.

Paesi leader

I Paesi nordici si sono distinti sul tema della transizione verde. I loro investimenti nelle energie rinnovabili possono essere un esempio per i Paesi europei che cercano di decarbonizzare rapidamente il loro sistema energetico.

Rystad Energy, una società di consulenza energetica, prevede che la capacità eolica e fotovoltaica raggiungerà i 74GW nel 2030 per Svezia, Finlandia e Danimarca. Attualmente è di soli 30GW. Tale produzione supererà le loro esigenze. Ciò consentirà ai Paesi nordici di esportare in Europa energia pulita, a basso costo e con una fornitura stabile.

Attualmente, i Paesi nordici producono oltre il 90% dell’elettricità da fonti energetiche a bassa emissione di carbonio. Si prevede che entro il 2030 verranno sviluppati nella regione importanti progetti di idrogeno rinnovabile. Questi progetti consentiranno ai Paesi nordici di rafforzare la loro leadership nella transizione europea attraverso la decarbonizzazione di industrie pesanti come l’acciaio e il cemento.

Mix energetici diversi

I tre Paesi nordici hanno un mix energetico tra i più puliti al mondo. Tuttavia, essi derivano da strategie energetiche diverse. La Svezia, che ha la sesta capacità di produzione di energia elettrica in Europa, ha fatto grande affidamento sull’energia nucleare e idroelettrica.

In seguito ha sviluppato l’energia eolica terrestre, che oggi è la terza fonte di energia elettrica del Paese. La Svezia intende continuare a utilizzare l’energia nucleare. L’aumento previsto della capacità di produzione farà di questo paese uno dei principali esportatori di elettricità in Europa nei prossimi anni.

La Danimarca è uno dei pionieri della tecnologia eolica offshore. Il governo danese ha fissato l’obiettivo di installare 12,9 GW di capacità eolica offshore entro il 2030. La Danimarca vuole anche sviluppare la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Il Paese dispone di una notevole capacità di stoccaggio, in particolare nel Mare del Nord. I Paesi nordici hanno intrapreso percorsi diversi per la transizione, ma sono riusciti ad avere alcuni dei mix energetici a più basso contenuto di carbonio. In questo modo, stanno mostrando la strada al resto d’Europa.

Dans cet article :

Articles qui pourraient vous intéresser

Rosneft annuncia una significativa perdita di asset

Il gigante petrolifero russo Rosneft ha annunciato una perdita di 889 milioni di dollari a causa del sequestro da parte di Berlino, a metà settembre, delle sue attività in Germania, dove in precedenza gestiva numerose raffinerie.

FREYR e Nidec perfezionano la loro joint venture

Il completamento della joint venture tra FREYR Battery e Nidec Corporation sta prendendo forma. Le due società uniscono le proprie competenze e capacità sotto il nome di Nidec Energy AS.

Avete già un account? accedi qui.

Continua a leggere

Accesso illimitato

1€ a settimana senza impegno
Fatturato al mese
  • Godetevi l'accesso illimitato alle ultime notizie professionali del settore. Annullamento online in qualsiasi momento.

Articoli limitati per mese

Gratuito
  • Accedere ad alcuni dei nostri articoli e personalizzare le newsletter in base ai propri interessi.

Non è richiesto alcun impegno, si può annullare in qualsiasi momento.
Il vostro metodo di pagamento verrà automaticamente addebitato in anticipo ogni 4 settimane. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. È possibile annullare in qualsiasi momento. Possono essere applicate altre restrizioni e tasse. Le offerte e i prezzi sono soggetti a modifiche senza preavviso.