Contestate le misure di emergenza dell’UE

In una lettera ai ministri dell'UE, gli amministratori delegati dell'industria eolica chiedono di modificare le licenze.
Commission européenne

In una lettera ai ministri dell’UE, gli amministratori delegati dell’industria eolica chiedono di modificare le licenze.

Misure di emergenza

Nel settore dei permessi, i ministri dell’UE hanno adottato misure urgenti per semplificare e accelerare i tempi di ottenimento dei permessi. Tuttavia, queste misure rappresentano un passo indietro. L’ottenimento dei permessi è infatti il principale ostacolo all’espansione delle energie rinnovabili.

80GW di capacità eolica sono attualmente bloccati nelle procedure di autorizzazione in tutta Europa. La semplificazione e l’accelerazione delle autorizzazioni sono essenziali, soprattutto per rafforzare la sicurezza energetica dell’Europa. La nuova strategia energetica dell’UE, REPowerEU, dovrebbe contribuire a semplificare le autorizzazioni.

Bruxelles sta introducendo nuove regole che si applicheranno ai progetti di energia rinnovabile attualmente in fase di autorizzazione, ma anche ai nuovi progetti. Il Consiglio europeo ha recentemente deciso di adottare ulteriori misure di emergenza per accelerare il rilascio delle licenze. Queste misure di emergenza sono in fase di studio e sono state approvate dal Consiglio Energia.

Sfide

Queste misure di emergenza dell’UE si applicherebbero solo alle nuove richieste di autorizzazione. Pertanto, sbloccherebbero solo una piccola parte dei progetti di energia eolica attualmente in fase di sviluppo. Si tratta di un passo indietro rispetto alle misure di REPowerEU.

Più di 20 amministratori delegati di aziende leader del settore eolico contestano le nuove misure. Ritengono che le misure di emergenza debbano essere applicate a tutti i permessi. L’Europa ha bisogno di più energia rinnovabile per sostituire il gas russo e migliorare la sicurezza energetica.

Questo dibattito è stato oggetto di una lettera resa pubblica dai leader aziendali. Per loro, questo passo indietro è ingiustificabile nel contesto europeo. Infine, queste misure di emergenza devono essere approvate dal Consiglio Energia.

Dans cet article :

Articles qui pourraient vous intéresser

UE e Giappone si accordano sull’idrogeno

L’UE (Unione Europea) e il Giappone annunciano l’intensificazione del partenariato sull’idrogeno con la firma di un protocollo di cooperazione.

Battolyser scommette su Rotterdam

Battolyser, che installerà il suo primo impianto nel porto di Rotterdam, nei Paesi Bassi, per soddisfare la domanda di idrogeno rinnovabile.

Avete già un account? accedi qui.

Continua a leggere

Accesso illimitato

1€ a settimana senza impegno
Fatturato al mese
  • Godetevi l'accesso illimitato alle ultime notizie professionali del settore. Annullamento online in qualsiasi momento.

Articoli limitati per mese

Gratuito
  • Accedere ad alcuni dei nostri articoli e personalizzare le newsletter in base ai propri interessi.

Non è richiesto alcun impegno, si può annullare in qualsiasi momento.
Il vostro metodo di pagamento verrà automaticamente addebitato in anticipo ogni 4 settimane. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. È possibile annullare in qualsiasi momento. Possono essere applicate altre restrizioni e tasse. Le offerte e i prezzi sono soggetti a modifiche senza preavviso.